Quale Programma per Registrare Musica?

Vorrei registrare a casa dei brani, sai indicarmi quale programma utilizzare per la registrazione?

Ti consiglio di utilizzare Audacity, questo è il link per il download: audacityteam.org/download.

Perché Registrare Musica con Audacity?

  • È gratis.
  • Funziona per Windows, Mac e GNU/Linux.
  • È perfetto per imparare a registrare.
  • Ha strumenti per modificare, migliorare, manipolare le tue registrazioni.

Audacity sta diventando uno standard per l’insegnamento dell’informatica musicale. Io l’ho conosciuto grazie al mio insegnante di informatica musicale al conservatorio di Bologna, Damiano Meacci.

Se vuoi imparare cosa vuol dire registrare e indagare le infinite possibilità che hai nel campo della registrazione audio Audacity è perfetto.

Audacity è un editor di file audio multipiattaforma, (…). Il programma di base permette registrazione, riproduzione, modifica e missaggio di un file audio.

Una serie di operazioni aggiuntive sono possibili grazie a plugin già inclusi, con i quali è possibile intervenire su diversi parametri tra cui il volume, la velocità, l’intonazione, il formato in cui i file vengono salvati, la compressione e la normalizzazione.

Le sue caratteristiche lo rendono adatto a un uso domestico e da sala prove.

Continua a leggere su Wikipedia qui: https://it.wikipedia.org/wiki/Audacity.

Quale Software Professionale per Registrare Musica?

Ed ecco la mia personale selezione dei migliori programmi professionali per registrare (in ordine alfabetico):

Alternative ad Audacity

Applicazioni per registrare musica con iPhone  

Software Registrare Musica

Photo by Jan Střecha on Unsplash

Promuovere Musica Online la Storia di Libero Iannuzzi

Come può un insegnante di musica, un chitarrista, partendo da zero, promuovere la sua attività online?

Giulio Gaudiano intervista Libero Iannuzzi che, appassionato musicista, ha come missione quella di insegnare musica ai bambini in maniera semplice e divertente.

Promuovere Musica Online la Storia di Libero Iannuzzi

Suggerimenti utili per:

  • Produrre qualcosa di unico e distinguersi nel mondo dell’editoria musicale (Suoni e SilenziTutti alla chitarra).
  • Innovarsi come musicista e come insegnante di musica.
  • Farsi sostenere economicamente su Patreon.
  • Farsi conoscere tramite YouTube e Facebook.
  • Scoprire come instaurare una relazione con il proprio pubblico.

Ascolta L’intervista al Maestro Libero

Ascolta “Come creare una strategia digitale: la storia del Maestro Libero Iannuzzi” su Spreaker.

Cosa Ricordare Dell’intervista a Libero Iannuzzi

  • Puntare su una piccolissima nicchia all’interno dell’editoria musicale.
  • Dialogare con il pubblico interessato a quello che fai come insegnante.
  • I social network, per amplificare la tua voce, devono essere uno specchio di quello che fai e sei nella vita di tutti i giorni.

Rivolgersi a una nicchia è strategico per farsi conoscere online. Farsi conoscere in un settore specifico, per quanto piccolo, ti permetterà di farti apprezzare al meglio.

In pratica:

  • Trova un pubblico nel mercato musicale poco servito.
  • Realizza un prodotto pensato solo per un pubblico ristretto.

Dove Trovare il Maestro Libero

Lettura Consigliate: La Mucca Viola & Padre Ricco Padre Povero

Ascoltando l’intervista mi è tornato in mente un bestseller del 2015 dove viene spiegato come la vendita di prodotti o servizi tradizionale oggi ha perso la sua efficacia. Leve come il prezzo o la classica promozione, così come altre, non sortiscono più effetto.

La Mucca Viola

Oggi per trovare il tuo pubblico serve l’effetto “wow”, la mucca viola.

Nel libro Seth Godin mostra cosa sia la “mucca viola” e come fare in modo che tutto ciò che crei sia incredibile.

Crea un prodotto e offri un servizio memorabile.

Il libro è ricco di idee e Seth Godin è un punto di riferimento internazionale per il marketing online:

Un altro libro interessante che ti consiglio di leggere e che viene citato durante l’intervista da Giulio Gaudiano è Padre Ricco Padre Povero.

Padre Ricco Padre Povero

Il libro ti accompagna lungo un percorso che ti farà cambiare idea sul denaro.

L’autore, Robert Toru Kiyosaki, cresciuto con due padri, uno ricco e uno povero, condivide le mentalità così distinte che caratterizzano questi due padri e la loro visione distinta del denaro:

Padre Ricco Povero Povero ti farà ragionare in modo nuovo sul tuo rapporto con le finanze:

  • Abbatterai i luoghi comuni sul denaro.
  • Avrai un nuovo punto di vista sulla ricchezza e la povertà.
  • Comprenderai la differenza tra attivi e passivi.
  • Imparerai a farti domande migliori per avere risposte migliori.
Promuovere Musica Online: la Storia del Maestro Libero Iannuzzi

Photo by Jefferson Santos on Unsplash

Promuovere Musica Su Youtube: Google Ads Per I Video

Conviene promuovere musica su YouTube? Dovrei promuovere musica con Google Ads? Una domanda che mi è stata fatta oggi, tramite la pagina Facebook di Music Promoter, da una cantante è:

Fabrizio dovrei sponsorizzare i miei videoclip, la mia musica su YouTube?

È vero, per aumentare il numero di iscritti e visualizzazioni del tuo canale, puoi pubblicare una campagna pubblicitaria su YouTube tramite Google Ads per i video.

Non devi far altro che creare l’annuncio, definire il budget e scegliere come target il pubblico che desideri. Per gli annunci non è previsto un prezzo minimo e puoi modificare gli annunci stessi, il targeting e il budget in qualsiasi momento. Puoi anche scegliere di terminare la campagna quando lo desideri.

Continua a leggere qui: Creazione di una campagna video TrueView.

Ma è una cosa davvero utile promuovere la tua musica con Google Ads?

Premesse Per Promuovere Musica Su YouTube

Un paio di premesse prima di andare ai motivi per cui dovresti prendere in considerazione di promuovere a pagamento la tua musica su YouTube:

  1. Avrai bisogno di un budget (i risultati dipendono molto dal budget che hai a disposizione) il budget minimo che devi considerare è fra i 5 e 10 euro al giorno.
  2. Devi avere attivo oltre che un canale su YouTube anche un account Google Ads (che è la piattaforma di Google che ti permette di fare pubblicità).

Una volta che hai deciso il budget, attivato il tuo account Google Ads e collegato al tuo canale YouTube sei pronto per far partire la pubblicità sul tuo canale.

Affrontiamo ora il dubbio.

Devo sponsorizzare la mia musica su YouTube oppure no?

Motivi Per Promuovere Musica Su YouTube Con Google Ads

Ecco le ragioni per cui potresti prendere in considerazione l’idea di promuovere la tua musica su YouTube.

Aumenterai il Numero Delle Visualizzazioni

Avrai la possibilità di aumentare le tue visualizzazioni in un modo molto più veloce rispetto a quello che ti accadrebbe caricando un video che riceve visite solo “organicamente”.

Sceglierai il Tuo Pubblico

Google Ads promuoverà il tuo video musicale all’interno di YouTube solo al pubblico che avrai selezionato. Quindi un secondo motivo che dovresti tenere in considerazione è che puoi decidere la tua platea. Puoi selezionare e decidere a quali persone far ascoltare la tua musica.

Promuovere musica su YouTube ti permette, se già conosci il tuo fan “tipo”, di raggiungerlo con Google Ads.

Avrai un Feedback Veloce

Con la sponsorizzazione ti fai conoscere rapidamente. Quando attivi una campagna su Google Ads il tuo video viene controllato e se non ci sono problemi entro 48 ore viene approvato e inizierai ad accumulare visualizzazioni.

È invece difficile aumentare le visualizzazioni se hai avviato da poco il tuo canale su YouTube. Un altro motivo a favore di Google Ads è che capirai rapidamente se il tuo video musicale piace oppure no.

Riprova Sociale

Avere un video con tante visualizzazioni attiva curiosità in una persona che ti non conosce. Pensaci. Se vedi un video con milioni di visualizzazioni anche se non conosci quel cantante farai play per vedere come mai quel video è così popolare.

Lo stesso vale per il contrario. Se poche persone vedono un video la curiosità non sarà attivata.

Riprova sociale: Le persone, in media, tendono a ritenere maggiormente validi i comportamenti o e le scelte che vengono effettuati da un elevato numero di persone. È il fenomeno psicologico-sociale alla base della diffusione delle “mode”.

Continua a leggere qui: https://it.wikipedia.org/wiki/Robert_Cialdini 

Quindi agli occhi di un potenziale pubblico il tuo video risulterà migliore rispetto a quello di un altro musicista solo perché ha avuto più visualizzazioni.

Avrai Dati Utili Da Analizzare

Promuovere musica su YouTube ti permette, se hai un numero considerevole di visualizzazioni, di avere dati interessanti da analizzare e da sfruttare per le tue prossime campagne pubblicitarie. Analizzando i dati potrai capire meglio il tuo pubblico di riferimento.

Potrai Decidere Dove Mandare le Persone Raggiunte

Puoi inserire all’interno del video sponsorizzato un link che riporta al tuo sito o al tuo canale. Puoi cioè legare alla sponsorizzazione un’azione (in gergo si chiama call to action) che desideri che il tuo pubblico faccia.

Attenzione!

Questa è un’arma a doppio taglio perché, una volta che avrai finito i soldi, le visite termineranno e penserai di aver sbagliato tutto.

Avere visite e contatti, grazie alla pubblicità, aumenta la tua motivazione nel far crescere la tua presenza online.

Promuovere Musica Su YouTube: Sì o No?

Il consiglio migliore che posso darti, per promuovere la tua musica su YouTube, è di concentrare la tua attenzione sulla produzione di video musicali di qualità.

Ottimizza il tuo canale.

Non preoccuparti all’inizio se hai un numero basso di visualizzazioni. Rimani in contatto con la tua musica e con i fan, anche se pochi, che apprezzano la tua musica.

Se hai a disposizione un budget o magari ti stai appoggiando ad un’etichetta discografica o vuoi fare le cose in grande utilizzando la pubblicità avrai risultati e feedback in modo rapido.

Promuovere musica su YouTube con Google Ads è un’opzione da considerare se hai a disposizione un budget da destinargli in modo continuo o se hai un’etichetta che ha deciso di investire sulla tua musica.

Per Approfondire La Promozione Musicale su YouTube

Libri

Come Diventare Famosi Con YouTube

La musica è in assoluto la categoria più popolare, tuttavia occorre tenere presente che per creare un canale di musica seguito occorrono dei contenuti adeguati: quindi o cantate e siete dei fenomeni, oppure dovete utilizzare materiale non coperto da copyright che sia esclusivo e quindi interessante, spesso molto complicato da ottenere.

Massimo Carboni e Fabiano Foschini, Io youtuber. Manuale per diventare famosi con Youtube, 14 ottobre 2016.

Come Guadagnare con YouTube

(…) se vuoi monetizzare, non vendere ciò che vuoi tu, ma ciò che vogliono gli altri.

Potrei citarti mille esempi, tra cui Steve Jobs che, attraverso la vendita di singoli brani musicali attraverso iTunes, ha distrutto la convinzione che le persone acquistassero “il disco”, dimostrando che invece acquistavano “la musica” e la possibilità di ascoltarla.

Perché le persone guardano i tuoi video? Cosa rappresenti per loro? Qual è il valore che i tuoi video, e non altri, portano alla tua audience?

Giulio Gaudiano, Esperto YouTube: Come guadagnare online con YouTube, 13 maggio 2015.

Video

Le Basi per Promuovere Musica con Google Ads Per i Video

In questo video Paolo Grisendi (paologrisendi.com) ti spiega come promuovere i tuoi video su YouTube:

Come promuovere i tuoi Video su Youtube – Le Basi Di Google Adwords Per i Video

La Guida Ufficiale di Google Ads

Qui trovi il canale ufficiale di Google (in inglese) che ti spiega tramite dei video tutorial come sfruttare al meglio Google Ads:

Guida di Google Ads su YouTube.

Articoli

Martina Bellani, Come sponsorizzare i video su YouTube, usando Google Adwords, 23 febbraio 2018.

 

Hai già provato a promuovere la tua musica online? Com’è andata? Se ti va scrivimi e fammi sapere.

Promuovere Musica Su Youtube: AdWords Per I Video

Photo by Gianandrea Villa on Unsplash

Promuovere Musica Online: Pornhub & Salmo

Promuovere Musica Online con PornhubSalmo ha aperto un canale e caricato un video su Pornhub per lanciare il suo prossimo disco “Playlist”.

Prima un’esibizione in incognito nel centro di Milano travestito da senzatetto, ora il video su Pornhub per lanciare Playlist, il suo nuovo album che esce il 9 novembre.

Il rapper Salmo ha deciso di percorrere tutte le vie del marketing per riuscire a raggiungere il pubblico più vasto possibile. Così ecco l’idea di sbarcare sul sito per adulti come piattaforma volano per lanciarsi.

«Siamo davvero felici di poter ospitare il video di lancio per il nuovo album di Salmo – afferma Corey Price, vicepresidente di Pornhub – è entusiasmante come sempre più artisti scelgano la nostra piattaforma per diffondere la propria arte».

Continua a leggere qui: Salmo su Pornhub: il rapper lancia il suo nuovo disco sul portale a luci rosse, 30 ottobre 2018.

Intercetta Fan per Promuovere Musica Online

Cosa vuol dire intercettare i propri fan?

Significa farsi trovare nei luoghi fisici (o virtuali) dove il tuo pubblico (o potenziale pubblico) si incontra.

L’esempio di Salmo su Pornhub

Se il tuo pubblico è composto da:

  • Uomini
  • Età media fra i 18 e 34 anni.

L’idea di aprire un canale su Pornhub può essere una scelta azzeccata.

Come puoi vedere qui sotto dai dati statistici, che il team di Pornhub mette a disposizione, il pubblico principale del sito è proprio quello. Secondo i dati forniti da Pornhub, in Italia le donne rappresentano solo il 20% delle visite su Pornhub.

L’età degli uomini che frequentano il sito è nella fascia di età fra i 25 e i 34.

L’idea di Salmo, di intercettare questo pubblico sul portale di intrattenimento per adulti, è originale per l’Italia.

Il pubblico di Pornhub apprezza la musica che fa Salmo?

Il rapper si è affacciato su un palcoscenico dove la concorrenza è assente. Su un sito che nel 2017 è stato visitato 28.5 bilioni di volte.

Salmo decidendo di caricare un video su Pornhub ha generato una promozione enorme sulle riviste e siti musicali italiani e sulla stampa nazionale.

Il video di Salmo è tagliato e pensato per la piattaforma per adulti. La sua azione di promozione musicale online oltre ad affacciarsi ad un nuovo pubblico crea qualcosa di specifico per quel pubblico.

Dopo pochi giorni il video su Pornhub ha raggiunto milioni di visualizzazioni.

Il Pubblico di Pornhub è Interessato alla Musica?

La domanda che forse Salmo si è fatto, prima di intraprendere questa azione di promozione musicale, è stata: il pubblico di Pornhub è interessato alla musica?

La risposta è sì. Sempre da quello che dicono le statistiche di Pornhub durante il festival di Sanremo. Da notare che gli utenti di Pornhub cercano sulla piattaforma i loro artisti preferiti.

Promuovere Musica Online su Pornhub Conviene?

Cercare nuovi palcoscenici, ancora poco battuti, può darti un vantaggio strategico se cerchi di promuovere la tua musica online.

La scelta di Salmo è estrema. È una presa di posizione forte. Forse è anche per questo motivo che il suo lancio sta funzionando così bene.

Cerchiamo sempre di calcare i palchi più conosciuti. Forse ci dovremmo fermare a riflettere che, andando incontro al pubblico, dove già c’è, sarà più facile farci apprezzare.

Se ci sono già centomila rapper su YouTube che sgomitano per farsi ascoltare, non è forse meglio promuovere la tua musica su un portale dove non c’è neanche un musicista?

Non ti sto consigliando di aprire un canale su Pornhub. Ti sto dicendo di riflettere come e dove trovare il pubblico che vuoi raggiungere. Come ha fatto Salmo.

Cosa la tua Promozione Musicale può Imparare da Pornhub?

Per approfondire il tema Pornhub, e sfruttarlo a tuo vantaggio, è stato pubblicato un interessante libro che ti aiuta a indagare i modelli di business e le strategie digitali da cui puoi prendere spunto per sviluppare una tua strategia.

Il libro si chiama: M.I.L.F.: Cosa puoi imparare da Pornhub per la tua azienda: modelli di business, strategie digitali e uso dei dati.di Emanuela CiuffoliErika D’AmicoMarco Pulzelli

Salmo in Breve e Dove Trovarlo

Salmo, pseudonimo di Maurizio Pisciottu (Olbia, 29 giugno 1984), è un rapper e produttore discografico italiano.

Sito Web:
–  salmonlebon.com/

Articoli:
– Francesco Prisco, Salmo lo fa strano (il marketing): video su Pornhub e intesa con Durex, 30 ottobre 2018.

Social links:

Promuovere Musica Online su Pornhub: Salmo

Photo by Annie Spratt on Unsplash

Promuovi e Vendi i tuoi Concerti: YouTube + Evenbrite

Presto potrai associare e vendere i biglietti dei tuoi concerti direttamente su YouTube tramite Eventbrite. Eventbrite è la piattaforma per la gestione di eventi più grande al mondo.

Promuovi e Vendi i tuoi Concerti su YouTube con Evenbrite

YouTube aveva già introdotto una collaborazione di questo tipo con Ticketmaster e, con l’arrivo di Eventbrite, si stima che il portale di Google sia ora in grado di coprire più del 70 percento del mercato statunitense dei biglietti per i concerti. Un approccio che non stupisce, visto che YouTube nel tempo è diventato un vero e proprio hub musicale dove gli utenti passano diverse ore ad ascoltare contenuti musicali. Secondo una ricerca, il 60 percento degli americani tra i 35 e i 54 anni visitano YouTube almeno una volta alla settimana per fruire di contenuti musicali.

Marco Paretti,YouTube collabora con Eventbrite per vendere i biglietti dei concerti sotto ai video, 19 ottobre 2018.

Each month more than 1 billion music fans come to YouTube to be part of music culture and discover new music online. And it’s at the intersection of online discovery and the power of live shows that our newest partnership comes to life: Eventbrite is now integrated with YouTube!

Starting today, live music performances at the U.S. venues and festivals we partner with will be eligible for automatic listing next to the videos on YouTube Official Artist Channels across YouTube desktop and within the YouTube app.

Eventbrite signs first video distribution partner in YouTube, bringing artists, fans and promoters closer together, 18 ottobre 2018.

Per saperne di più su Evenbrite e YouTube

Promuovi e Vendi i tuoi Concerti su YouTube con Evenbrite

Photo by Sergio Ruiz on Unsplash

Analisi Del Mercato Musicale Dove Puntare?

Il Music Consumer Insight Report 2018 pubblicato da IFPI (Federazione internazionale dell’Industria Fonografica) è un’analisi del mercato musicale. Ti permette di conoscere le nuove direzioni dell’industria musicale.

A spingere la crescita del settore musicale sono i servizi riconducibili allo streaming, fondamentali per il marketing di musicisti, etichette e major.

Analisi Del Mercato Musicale Dove Puntare?

Nello studio sono state prese in esame le abitudini musicali di 1.000-2.000 utenti, con età compresa tra 16 e 64 anni per ognuno dei 20 paesi in cui si registra la maggior fruizione dei contenuti.

Perché Essere Presente su Spotify & YouTube?

L’86% ascolta album, brani e playlist in streaming.

La fortuna di Spotify si fonda su un pubblico giovane. Il 57% di coloro che rientra nella fascia 16-24 anni sottoscrive un abbonamento premium.

In media ognuno ascolta musica 2,5 ore al giorno, l’auto è il luogo prediletto. I contenuti locali dominano le classifiche di ogni nazione.

Il 38% degli intervistati ammette di essersi affidato a circuiti e metodi illegali per il download dei brani.

Tra i servizi on-demand, YouTube domina i consumi con il 47% del tempo passato sulla piattaforma.

Le parole di Frances Moore, CEO della International Federation of the Phonographic Industry.

Quest’anno il Music Consumer Insight Report svela come la musica registrata sia parte integrante della vita dei fan in tutto il mondo: continua a essere fruita attraverso formati, generi e tecnologie differenti, diventando sempre più accessibile.

Quali Sono i Generi Musicali più Ascoltati in Italia?

In Italia si ascoltano produzioni locali (57,5%). Vanno forte il pop (60,3%), il rock (59,3%) e la musica dei cantautori (49,8%).

Tra i più giovani, dai 16 ai 24 anni, è in forte crescita l’interesse verso hip-hop, rap e trap (51,4%).

Il 59% dei nostri connazionali è solito affidarsi a piattaforme video (49% YouTube e 10% altri servizi), mentre il 17% sceglie alternative audio a pagamento e il 24% le formule di ascolto gratuito spesso supportate dalla riproduzione di inserzioni pubblicitarie.

Analisi Del Mercato Musicale Dove Puntare?Sempre concentrandosi sulla fascia 16-24 anni, lo smartphone è diventato il centro nevralgico dell’esperienza (94%), con il 52% che ha sottoscritto un account premium.

La Distribuzione dei Ricavi

Il report sottolinea in ogni caso l’esigenza di continuare a far fronte al fenomeno della pirateria, che nell’ultimo periodo è tornato a farsi sentire in modo importante per quanto concerne l’ambito dello streaming video. L’attenzione è riposta inoltre sulla distribuzione dei ricavi provenienti dai servizi di user upload (come YouTube).

Prosegue Frances Moore.

… il report analizza anche le sfide che il comparto musicale continua ad affrontare, sia nell’evoluzione della violazione del copyright, sia nel mancato raggiungimento di un’equa remunerazione da parte di alcuni servizi di user-upload. I politici di tutto il mondo hanno esaminato attentamente queste problematiche e stanno agendo per affrontarle.

Non si fa riferimento allo stato del supporto fisico. In particolare a quello del vinile, un formato fino a poco tempo fa ritenuto di nicchia e invece tornato in auge negli ultimi anni grazie alla passione degli audiofili e alla scelta di stampare su 33 giri i nuovi lavori da parte di artisti dal calibro internazionale.

Continua a leggere qui: IFPI releases 2018 music consumer insight report, 9 ottobre 2018.

Analisi Del Mercato Musicale

Photo by Hans Vivek on Unsplash

Un Milione di Visualizzazioni Vale 1.000 Dollari

Molti musicisti mi chiedono come funziona il mondo dei ricavi su YouTube. Come YouTube paga i video? Quanto paga YouTube? Quanto valgono 1000 visualizzazione?

È Difficile Guadagnare da YouTube?

Nel video, Milena Gabanelli, ti spiega quanto sia difficile guadagnare da YouTube, quanto valgono 1000 visualizzazioni e come fanno i soldi i YouTubers. 

Google non rivela i numeri esatti, ma secondo le stime i canali YouTube al mondo sono all’incirca 1 miliardo. Di questi, stando a uno studio dell’Università di Offenburg, in Germania, il 97 per cento non batte un chiodo. Il 2 per cento riceve almeno 1,4 milioni di visite al mese e galleggia invece attorno alla soglia di povertà, incassando all’incirca 16.800 dollari all’anno. A guadagnarci davvero è il restante 1 per cento, che ottiene fra i 2 e i 42 milioni di visualizzazioni ogni mese. Secondo l’autore della ricerca Mathias Bartl, professore di Scienze Applicate e fra i primi a esaminare i dati di YouTube, “avere successo nella nuova Hollywood è difficile quanto in quella vecchia”.

Continua a leggere qui: Milena Gabanelli e Andrea Marinelli, YouTube: perché (quasi) nessuno ci guadagna davvero?, 27 giugno 2018.

Perché Usare YouTube per Promuovere la tua Musica

Il Web ha cambiato il nostro modo di ascoltare la musica.

YouTube è uno dei protagonisti di questo cambiamento perché unisce le dinamiche dei social network con la forza della comunicazione basata sui video.

Se prima andavamo in un negozio di musica ad ascoltare un album per capire se acquistarlo o no, ora ci basta andare su YouTube e scoprire nuova musica e l’ultimo videoclip del nostro musicista preferito.

Quindi se è vero che è difficilissimo guadagnare da YouTube e altrettanto essenziale esserci per crearsi un proprio palcoscenico.

Come YouTube Paga i Video

Photo by rawpixel on Unsplash

Il Super Liutaio Famoso Grazie a Instagram

Studia, metti te stesso in quello che fai e inizia subito a lavorare. Prima di tutto, però, è importante capire se si hanno davvero le capacità. Io ho iniziato come musicista e ho avuto la fortuna di capire in tempo che non era quella la mia strada. L’importante è non perdere tempo, essere liberi di sbagliare.

Continua a leggere l’intervista qui:
Andrea Coclite, Valerio Ferron, il “violinaio” star di Instagram, 13 marzo 2018.

Liutaio Famoso Grazie a Instagram

La possibilità di trasmettere immagini, suoni e video in tutto il mondo ha facilitato la creazione di nuovi mercati e ha ridestato quelli vecchi. L’esempio di Valerio Ferron per me è emblematico. Rappresenta come un liutaio (un artigiano di nicchia) possa venire a contatto con musicisti e persone che non sarebbero mai passati nella sua liuteria di Cremona.

Ti immagini cinque milioni di visitatori in un negozio raccolti nella sua bottega ad osservare il suo lavoro? Impossibile. Eppure è quello che è successo grazie ad Instagram (social network che ti permette di scattare foto, applicarvi filtri, e condividerle).
Molti musicisti stentano a capire che per farsi conoscere oggi ha molto più senso suonare all’interno della liuteria di Valerio Ferron che in una sala da concerto di una città di provincia.

Liutaio Famoso Grazie a Instagram

Photo by William Recinos on Unsplash

Il marketing deve adattarsi a questa nuova realtà e creare brand che si comportino come esseri umani: accessibili e gradevoli, ma a loro volta vulnerabili. I brand devono intimidire di meno. Devono diventare autentici e sinceri, ammettere i propri punti deboli e non fingersi perfetti. Imperniato su un sistema di valori, un brand umanistico tratta i clienti come amici, diventando parte integrante del loro stile di vita.

Citazione da: Philip Kotler , Marketing 4.0, 2017.

Sintonizzati Google Vuole Aiutare i Musicisti

Sei un musicista? Vuoi promuovere la tua musica su Google? Google vuole aiutare i musicisti: ora il motore di ricerca di Google ti dà la possibilità di integrare i tuoi aggiornamenti. Google invita i musicisti ad essere verificati attraverso un segno di spunta blu simile a quelli utilizzati da Twitter e Facebook. 

Spesso i risultati di ricerca, quando i tuoi fan ti cercavano, potevano non venire direttamente dal tuo sito o dai tuoi account social; i titolari dei diritti hanno attaccato spesso il motore di ricerca di elencare, durante le ricerche (fra le altre cose), link a download illegali.

La Musica al Centro delle Ricerche di Google

Quando i tuoi fan cercheranno le date dei tuoi prossimi concerti, i video, i post, troveranno più facilmente quello che pubblichi. Avranno modo di capire che le informazioni arrivano dalla fonte tramite i post contrassegnati con un segno di spunta blu accanto al loro nome e per te sarà più facile promuovere la tua musica online.

Oggi stiamo facendo un aggiornamento che mette i tuoi musicisti preferiti al centro della ricerca.

Questa funzione è attiva per tutti i musicisti che appaiono sulle ricerche di Google in tutto il mondo.

Google Vuole Aiutare i Musicisti

Photo by Joanna Kosinska on Unsplash

Promuovere Musica Online con un Palco Virtuale

Promuovi la tua musica online con Rai Radio Live: Ticket to Ride è un palco virtuale per musicisti emergenti che nasce dalla collaborazione fra il MEI – Meeting degli Indipendenti e Rai Radio Live.

Promuovere Musica Online con un Palco Virtuale (Rai)

Il palcoscenico per musicisti emergenti di Rai Radio Live

Se volete partecipare, in collaborazione con il MEI,  potete inviare il vostro live, ben registrato, via Mp3 o WeTransfer con una bella foto e una bella biografia di 15 righe e l’autorizzazione a trasmettere tale prodotto sulle frequenze di Rai Radio Live indirizzandola a: [email protected] .

Provvederemo a farla pervenire alla Redazione di Rai Radio Live.

Continua a leggere qui: http://www.raiplayradio.it/programmi/tickettoride/

Promuovere Musica Online con un Palco Virtuale

Photo by Wesley Tingey on Unsplash

Alcuni dei Musicisti Andati in Onda su Rai Radio Live

Per saperne di più: